ITINERARIO IN SLOVENIA PARTE 1

PARTE 1)

Da Pirano al Castello di Predjama

La ricordo bene quella mattina del 28 aprile 2017, quando siamo partiti verso l’est, quella parte di Europa troppo spesso dimenticata, ma che ci ha sorpreso!

La nostra prima tappa è stata in Italia, a Trieste,  cui dedicherò presto un articolo, una città che merita di essere vista!

Così, Pirano, è la nostra prima meta slovena. Un pò per la bella giornata di sole e un pò per come ci accoglie, assomiglia a una delle località di lago più famose in Italia!

PIRANO, COSA VEDERE:

LA CHIESA DI SAN GIORGIO, e il suo bel campanile che è una miniatura di quello di piazza San Marco di Venezia, sul quale è possibile anche salirvi per avere una visuale molto bella sulla piazza Tartini.

PIAZZA TARTINI, Piazza principale di forma ellittica e attorno alla quale sorgono edifici molti belli tra cui la celebre Casa Veneziana, sulla quale, se osservate bene, vi è un’incisione della scritta “Lassa pur dir” (Lascia che parlino).

Piazza Tartini

PASSEGGIATA SUL LUNGOMARE, Pirano è una penisola,  e questo fa si che  sia particolarmente piacevole potervi passeggiare rimanendo sempre a due passi dal mare! In particolare potrete vedere la SPIAGGIA DI FIESA  da una sopraelevata che si affaccia sul mare per tutta la sua lunghezza.

MURA MEDIOEVALI: le sue mura medioevali sono una tappa imperdibile. Si trovano in stao di conservazione ottimo e  l’ingresso che costa 2 euro vi consentirà di ammirare Pirano da un punto ancora più alto!

Dopo aver visto questo bellissimo villaggio di mare ci siamo diretti al nostro hotel in cui abbiamo potuto pernottare comodamente e cenare con la famosa ”Lubjenska”, una cotoletta ripiena di prosciutto e formaggio!

DOVE PERNOTTARE: domacija linc rodik PROVATO E CONSIGLIATO DA NOI!

Il secondo giorno siamo partiti di buon’ora per raggiungere LE GROTTE DI POSTUMIA.

Un percorso carsico lungo ben 21km, con il primato di essere le più estese del Carso e le più visitate d’europa.

Ci dirigiamo verso il ticket office presso cui è possibile acquistare varie tipologie di biglietto, consultabili sul sito ufficiale: https://www.postojnska-jama.eu/it/, noi abbiamo scelto il pacchetto con il Castello di Predjama!

Potete acquistare i biglietti direttamente online, oppure alla biglietteria come abbiamo fatto noi, ma in tal caso dovrete recarvi almeno 2h prima dell’orario nel quale intendete entrare.

La guida la potete scegliere in base alla vostra lingua, all’ingresso delle grotte salirete su un trenino che per in circa 7/8 minuti vi condurrà nel punto di inizio escursione.

Vi consigliamo di indossare un abbigliamento caldo e impermeabile in quanto la temperatura interna è di circa 8° gradi ed è umido, il terreno in alcuni punti è scivoloso, ma la visita è adatta a tutti.

Sono veramente bellissime e le concrezioni formatesi, sono tutte diverse tra loro creando un ambiente davvero spettacolare!

grotte di Postumia

Dopo un buonissimo pranzo presso il parco delle grotte, ci siamo diretti al Castello di Predjama.

i pranzi ‘dietetici’ della Slovenia

COSA VEDERE a CASTEL LUEGHI, (CASTELLO DI PREDJAMA):

il biglietto delle grotte includeva anche questo ingresso, che diversamente costa 13,00€.

Il castello si trova a 10km dalle grotte, ed è veramente paricolare, in quanto è incastonato nella roccia della montagna.

Tra le due guerre fu in territorio Italiano, infatti faceva parte della provincia di Trieste, ora si trova in terra Slovena, seppur vicinissimo al confine italiano.

La sua costruzione risale al 1200, ed è incastonato a 123 mt di altezza, il suo abitante più famoso è stato di sicuro il cavaliere Erasmo di Predjama, su cui ancora oggi aleggiano numerose leggende.

Secondo la storia, esso era una figura non raccomandabili,  esso sfruttava un collegamento sotterraneo, un vero e proprio cunicolo che collegava il Castello di Predjama al fiume Vipacco, dall’altra parte del massiccio roccioso: gli serviva per rientrare, fuggire e per avere i rifornimenti durante gli assedi.

In uno di questi assedi le truppe imperiali tentarono di bloccare Erasmus, senza riuscirci con metodi bellici. A consegnare il signorotto fu un traditore: un servitore che svelò il rifugio in cui egli si nascondeva. 

Nel Castello si può visitare una collezione di oggetti originali, tra i quali anche armi e armature.

La sala maggiormente attrezzata è quella del cavaliere, nella sala da pranzo si può scoprire la vita di corte nel tardo gotico, mentre nella sala rinascimentale al terzo piano si trova un’esposizione di trofei da caccia dell’ultimo proprietario del Castello, il principe Windisch – Graetz.

Visitare questo castello necessita circa 1 ora / 1 ora e 30, vi sentirete sbalzati indietro nel tempo, e circondati da un alone di mistero  vi sembrerà di sentir fuggire Erasmo, coinvolto in qualche inseguimento!

DOVE PERNOTTARE: QUI, HOTEL A POSTUMIA E DINTORNI

Dopo questo itinerario ci siamo spostati verso la capitale, Lubjana.. ma questo te lo racconto nel prossimo articolo ! a brevissimo… Da Lubjana a Bled..

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: