WEEKEND A RAVENNA E COMACCHIO

I MOSAICI DI RAVENNA E ‘LA PICCOLA VENEZIA’

RAVENNA:

è la città perfetta per un weekend, che 1600 anni fà fu per ben tre volte capitale!!

L’arte del mosaico ha trovato qui la sua più ampia espressione: infatti Ravenna è romana, gotica, bizantina, ma anche medievale, veneziana e infine contemporanea, una città ricca si storia, ma spesso trascurata e offuscata , da altre più famose mete.

In questa breve guida vi farò conoscere i più bei mosaici di questa sottovalutata città!

COSA VEDERE A RAVENNA:

BASILICA DI SAN VITALE

Basilica di forma ottagonale, capolavoro d’arte bizantina con l’abside poligonale, i capitelli, la costruzione in mattoni e la fusione con  elementi romani: la cupola, la forma dei portali, le torri.  Questa caratteristica fa della Basilica il luogo di culto cattolico per eccellenza di tutto il ravennate.

uscendo dal retro della basilica e attraversato un piccolo giardino si raggiunge un altro luogo splendido:

il MAUSOLEO DI GALLA PLACIDIA:

Sminuito dalla vista esterna costruita in mattoni, una volta entrati ci si rende conto di come in pochi metri sia custodito uno scrigno di tesori:

Fu l’imperatore Onorio a volere questo mausoleo per dedicarlo alla sorella Galla Placidia.

Il tema dei mosaici, infatti, è la vittoria della vita sulla morte, in accordo con la destinazione funeraria dell’edificio, ma quel che coinvolge di più è la volta celeste che sembra abbracciare il visitatore.

BATTISTERO NEONIANO

Edificio di forma circolare racchiuso in un piccolo giardino, fu la risposta cattolica (del vescovo Neone) all’eresia Ariana, che proprio in Ravenna aveva avuto il massimo splendore sotto il regno di Teodorico.

Una contrapposizione che si ritrova anche nel Cristo raffigurato nel mosaico sotto la cupola, che a differenza di quello nel vicino Battistero degli Ariani viene da Oriente ed è divino anche prima del battesimo comunicatogli da Giovanni Battista e dalla colomba divina (gli ariani affermavano il contrario).

ed è infatti proprio questo il tema dei mosaici custoditi al suo interno, che coinvolgono e avvolgono il turista facendolo partecipare alla cerimonia del battesimo.

BASILICA DI SANTAPOLLINARE NUOVO:

Questa basilica vicina al centro storico ha un primato: ospita il più grande ciclo di mosaici del mondo.

Le pareti della navata centrale sono divise in tre fasce di mosaici ben distinte: la fascia più alta racconta la vita di Cristo, quella centrale Santi e Profeti e mentre quella inferiore ritrae il famoso Palazzo di Teodorico.

Sulla parete di fronte è ritratto il porto di Classe, uno dei più importanti del Mediterraneo ai tempi dell’Impero Romano.

QUESTI MOSAICI SI TROVANO NEL CENTRO STORICO E SONO COMODAMENTE RAGGIUNGIBILI E VISIBILI A PIEDI CON IL TICKET CUMULATIVO DA € 10,50 ACQUISTABILE PRESSO LE SEGUENTI BIGLIETTERIE:

*VIA ARGENTARIO, 22 VIA DI FRONTE ALLA BASILICA DI SAN VITALE

*VIA DI ROMA, 53 PRESSO BASILICA DI SANT’APOLLINARE NUOVO

*MUSEO ARCIVESCOVILE

TOMBA DI DANTE ALIGHIERI: GRATUITA

Dante Alighieri, diversamente da quanto si pensa, non è seppellito a Firenza… Bensì in un tempietto neoclassico adiacente alla chiesa di San Francesco, presso Ravenna, dove dopo una lunga attesa (c’è sempre una fila di gente pazzesca) , potrai vedere il sarcofago che contiene le sue spoglie!

DOVE PARCHEGGIARE GRATUITAMENTE:

1. Antico Lazzaretto (Piazzale Antico Lazzaretto, via Monsignor Lanzoni; posti 224); 

2. Teodorico (Piazza F.lli Minardi, via Chiavica Romea; posti 90);

3. Sant’Anna (Via Sant’Anna / Via Girolamo Rossi; posti 38); 

DOVE MANGIARE: IL PORTOLANO – RISTORANTE DI PESCE PROVATO E SUPER CONSIGLIATO! LUOGO ACCURATAMENTE ARREDATO IN STILE MARINARO E PESCE FRESCHISSIMO!

DOVE PERNOTTARE (prenota qui il tuo soggiorno) : Hotel E b&b a Ravenna

COSA VEDERE A COMACCHIO:

Comacchio, soprannominata ‘La piccola Venezia’ è una deliziosa cittadina lagunare che si trova nel cuore del Parco del Delta del Po: essa sorge su tredici isole e visitandola ti accorgerai che il suo centro storico è un intreccio di tanti piccoli vicoli e canali che la rendono molto caratteristica.

IL PONTE TREPPONTI:
Questo ponte, risalente al 1638, era la porta della città in quanto il canale sottostante conduceva al mare Adriatico.

IL PONTE DEGLI SBIRRI:
al lato opposto di Trepponti, si trova questo caratteristico ponte in pietra detto ‘degli Sbirri’, che attraversa il canale principale congiungendo le due rive.
 
IL PONTE DI SAN PIETRO:
Passato il ponte degli sbirri, si incontra un altro bellissimo ponte più piccolo ma molto caratteristico detto di San Pietro:
 
è possibile anche vedere la città con un tour in barca:
 
Infatti in  diversi punti della città ci sono dei volontari che gratuitamente svolgono (da marzo ad ottobre) questo servizio di tour-trasporto su di imbarcazioni (battane) caratteristiche. 20 minuti di tour per i canali della città.
oppure:
Per un tour più lungo – sempre via mare – si può pensare di intraprendere il viaggio con la motonave che gira per le Valli di Comacchio.
Si parte proprio da Comacchio (Stazione di Pesca Foce) e si ripercorre il fiume verso i vecchi casoni di pesca risalenti al Seicento (che oggi restaurati sono diventati dei veri e propri musei) che riproducono le ambientazioni della valle.
 
Una navigazione che passa da quella interna allo specchio della valle a quella aperta di Casone Donnabona.
 
Da marzo ad ottobre sono previste delle escursioni giornaliere (9, 11, 15, 17, su prenotazione. Prezzo intero 11 euro; 10 euro per gruppi di almeno 25 persone; 8 euro per i ragazzi dai 7 ai 18 anni. Per informazioni 340 2534267).
 
DOVE PARCHEGGIARE:
 
Se arrivi in auto: puoi lasciare l’auto nel parcheggio gratuito del supermercato Coop, in Via Fattibello 1.

DOVE MANGIARE: RISTORANTE AL CANTINON OTTIMA ANGUILLA E ALTRI PIATTI DI PESCE DI LAGUNA E DI MARE! PROVATO E CONSIGLIATO!

PRENOTA QUI SOTTO IL TUO SOGGIORNO:



Booking.com

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: